Samuele Grossini

On marzo 9, 2012 by MotoBimbo
Condividi

Ha iniziato a correre in mountainbike nel 1997, partecipando a gare di croscountry di vario livello senza mai riuscire ad ottenere risultati soddisfacenti. Nel 2001, grazie alla partecipazione al Funky Day di Massa Marittima, conosce il free-ride e l’interpretazione più gravity della MTB, ne rimane praticamente stregato e poco dopo, grazie alla spinta del Team Pro-Bike di Roma, partecipa alla sua prima gara di DH, la storica Downhill delle Biancane a Monterotondo. La sua prima apparizione si conclude all’ospedale il giorno prima della gara, con una spalla lussata. Sicuro di poter dire la sua non demorde e dopo una breve riabilitazione risale in bici con l’intenzione e la consapevolezza di poter fare bene.

Nel 2002 si ripresenta al via di una gara di Downhill, in Umbria a Foligno, dove, nonostante la presenza di Biker di tutta Italia conquista uno strepitoso 10° posto assoluto, salendo sul podio della propria categoria.

Da lì in poi è stato un susseguirsi si ottimi piazzamenti e podi, fino a quando il 7/4/2002 (giorno del suo 27° compleanno) a Valbonella conquista la sua prima vittoria di categoria.

Dopo un inizio di carriera del genere le aspettative erano alte, da parte di Samuele e del suo team, ma la stagione successiva è stata veramente dura per lui, la spalla lussata l’anno prima a Monterotondo non ne voleva sapere di stare a posto, da lì in poi ha subito altre 9 lussazioni, con relative riabilitazioni, inoltre non si trovava a proprio agio con la bici, concessagli dalla Onion Bikes (foto sotto ), troppo rigida e pesante per lui. Non aveva inoltre un luogo dove potersi allenare con la bici da discesa, che utilizzava solamente in gara. Le successive due stagioni 2003-2004 sono state quindi assolutamente deludenti.

Nel 2005 arriva la Cannondale Gemini una bici semplice e leggera che gli fa ritrovare un bel ritmo. Durante la stagione Samuele si sposa, per questo riesce a partecipare alle competizioni con impegno ridotto, inizia a collaborare con Bici da Montagna come tester, la stagione sembrava procedere bene, ma un brutto infortunio alla tappa del circuito Italiano a Sestola, lo costringe ad un altro lungo periodo riabilitativo. 


Nel 2006 impegni di lavoro e di famiglia lo tengono lontano dalle gare, inizia a perdere la motivazione ma poi finalmente, nasce vicino a lui il primo bike park del centro Italia “Parco Batteria”, dove può allenarsi anche tutte le settimane. Samuele riprende la giusta carica, cambia bici, con la sua nuova Iron Horse Sunday fa il vero salto di qualità, nelle gare rimane sempre nelle prima posizione della classifica assoluta, e riesce a conquistare la sua prima vittoria Assoluta, proprio al II° Trofeo Parco Batteria. In quella stagione ha conquistato ottimi piazzamenti in tutte le gare.


Nel 2008 arriva il primo ed unico cambio di team, viene arruolato nel nascente Team Ruota Libera, dove è costretto ad abbandonare la Iron Horse in favore della Specialized Demo 8.

In sella alla Demo non è, e non sarà mai completamente a suo agio, ma riesce comunque a conquistare ottimi risultati, anche grazie al fatto che la nuova squadra è a Terni e quindi può concorrere per i titoli regionali e provinciali, cosa che non poteva fare gli anni precedenti essendo Pro-Bike una squadra Romana, e nel Lazio non vi si correvano campionati.
2008 – campione Regionale FCI regione Umbria cat.M1
2008 – campione provinciale FCI provincia di Terni cat. M1
2009 – campione regionale FCI regione Umbria cat.M2
2009 – campione regionale FCI provincia di Terni cat.M2
Nel 2009 inizia anche la sua esperienza nel circuito Superenduro con mediocri risultati, ma si sente a suo agio nella nuova disciplina, che gli ricorda le prime gare di enduro fatte in moto e capisce che con dei sacrifici può raggiungere buoni risultatati.
Nel 2010 continua a concentrarsi nella downhill, Il neonato circuito Gravity Race Cup, si svolge nel centro Italia, e riesce a conquistare il titolo della classe M2, nonostante si presenta alle gare nella sola giornata della domenica, rinunciando alle prove libere del sabato.
2010 – Campione provinciale FCI provincia di Terni cat.M2
2010 – campione cat. M2 Circuito interregionale Gravity Race
L’anno 2011 inizia veramente male, la nuova demo 8 all’apparenza sembra la bici giusta per ritornare ai livelli della Iron Horse, ma non è così, dopo poche gare Samuele perde la motivazione e fa una pausa.

Lo stesso anno l’amicizia con il Campione Andrea Bruno, lo porta in sella ad una Transition, ed è amore a prima vista, ritorna la voglia di correre e di vincere, e soprattutto la motivazione, a cavallo della sua nuova Covert conquista uno splendido secondo posto nella categoria SE3, alla superenduro di Punta Ala, alle spalle del dominatore del circuito Andrea Bruno.

Inizia quindi a dedicarsi più seriamente al superenduro e conquista un altro prestigioso risultato a Finale Ligure. In questa stagione non partecipa ad altre gare, ma con la Transition è certo di essere tornato competitivo anche nella Downhill.
L’anno 2012 è iniziato all’insegna della sfortuna, Samuele si prepara molto bene la gara di Superenduro Pro di Punta Ala, e dopo la seconda speciale è addirittura 14 assoluto, con un sorprendente 12° assoluto proprio nella PS2, la più difficile e selettiva, ma nella PS3 fora e conclude la gara solo in 23° posizione assoluta. Conquista anche un secondo posto di categoria alla Superenduro Sprint di Priero, nonostante fosse afflitto da una brutta influenza. Partecipa ad una sola gara di Downhill conquistando un 2° posto di categoria, come da pronostici, con la sua TR450 è nuovamente competitivo anche in DH.

Il 2013 è l’anno degli infortuni, la spalla a inizio stagione e il ginocchio a fine stagione rendono il 2013 un periodo da dimenticare, Samuele inizia ad avere paura, alle poche gare a cui partecipa  riesce a conquistare qualche podio solo grazie alla netta superiorità della sua bici rispetto a quelle dei suoi avversari.

I Video di ZioSam Samuele Grossini:

 

 

 

 

clicca qui per visitare la rubrica “i consigli ZioSam

clicca qui per visionare gli atleti del Team Ruota Libera 2013

Condividi